Autostrade

Autostrade

Soprattutto in Europa, l'automobile è ancora il mezzo di trasporto più utilizzato, data la limitata estensione geografica rispetto ad altri continenti, il capillare sviluppo del network e l'assenza o insufficienza di canali di trasporto alternativi. Nel corso dell'ultimo decennio, i tassi di crescita più elevati si sono registrati in Spagna e Belgio (rispettivamente oltre il 4% e 5%), rispetto a una media compresa tra l'1% e il 3% di Francia, Germania e Italia. Negli Stati Uniti e in Giappone, dove il network autostradale è paragonabile a quello europeo a livello d'infrastruttura ma non di capillarità o di utilizzo, il traffico ha registrato trend positivi, anche se inferiori a quelli europei. Nel 2008 il traffico autostradale è stato impattato nel primo semestre dal forte incremento dei prezzi del carburante, che ha inciso principalmente sul traffico "leisure", e nella seconda parte dell'anno dalla crisi finanziaria, che si è riflessa sul traffico commerciale. In Nord America si è registrata una contrazione del traffico del 4% nelle tratte di attività del Gruppo1 ; in Italia la flessione è stata dello 0,7%2. Nei prossimi anni si prevedono investimenti di potenziamento delle principali arterie autostradali in tutti i maggiori Paesi occidentali (in Europa, i corridoi nord-sud ed est-ovest e la costruzione di reti nelle principali regioni centro-orientali) e un'accelerazione degli investimenti per le infrastrutture base nei Paesi emergenti. Nei prossimi 3-4 anni, in Europa e Nord America si stima un progresso del traffico compreso tra l'1% e il 2%3.

1 Fonte dati: F.H.W.A., Federal Highway Administration, dato aggiornato a dicembre 2008
2 Fonte dati: A.I.S.C.A.T., novembre 2008
3 Fonte dati: elaborazione della Società su dati A.I.S.C.A.T. e Bureau of Transportation Statistics