XXIV. Fondi per rischi e oneri

XXIV. Fondi per rischi e oneri

Non sono intervenute variazioni significative alla composizione delle voci rispetto al 31 dicembre 2007. La variazione è infatti connessa agli ordinari accantonamenti e utilizzi del periodo, oltre al contributo delle nuove entità consolidate (€ 7.220m).
La variazione al netto dell’effetto cambio sarebbe stata pari a € +6.277k.

Fondo per imposte
È relativo, principalmente, a contenziosi per imposte dirette e indirette statunitensi (€ 5.369k).

Fondo rischi diversi
È relativo principalmente:

  • al fondo di autoassicurazione (€ 18.088k), iscritto a fronte delle franchigie sui danni a terzi, stabilite nei programmi assicurativi. Nell’esercizio è stato effettuato un accantonamento di € 5.056k, mentre gli utilizzi per liquidazioni sono stati pari a € 2.840k;
  • a oneri connessi al rinnovo di rapporti con concedenti per € 8.235k;

I decrementi, sostanzialmente relativi ai “Fondi rischi diversi”, si riferiscono prevalentemente all’utilizzo dei citati fondi di autoassicurazione.

Fondo oneri per ristrutturazioni
L’importo si riferisce al piano di riorganizzazione delle strutture corporate centrali e locali che fanno riferimento ad Autogrill Group Inc.

Fondo rischi vertenze verso terzi
Viene stanziato a fronte del rischio di soccombenza in contenziosi che interessano le società del Gruppo, tenendo conto delle valutazioni dei consulenti legali che assistono il Gruppo nelle controversie. Gli utilizzi sono stati operati a fronte delle effettive liquidazioni avvenute nel corso dell’esercizio, oltre che per la revisione di stime.

Fondo ripristino beni di terzi
Rappresentano la passività di prevedibile sostenimento per assicurare lo stato di conservazione contrattualmente pattuito dei beni devolvibili o in uso in virtù di locazioni. Gli utilizzi si riferiscono al rilascio del fondo, a seguito della scadenza di alcuni contratti.

Fondo per contratti onerosi
Si riferiscono ad accantonamenti per contratti in perdita riferiti a unità commerciali con redditività negativa. In particolare, nell’esercizio sono stati effettuati accantonamenti per le perdite attese sulla base delle previsioni reddituali di alcuni punti vendita che, gestiti in base a contratti pluriennali dai quali il Gruppo non può recedere anticipatamente, non coprono i canoni di locazione.